Stampa

Chi visita un museo, aggirandosi affascinato per le sale e ammirando antichi reperti, cimeli e opere d’arte, spesso dimentica ciò che effettivamente quegli oggetti rappresentano. Il loro valore più importante è forse quello di mettere i visitatori a diretto contatto con il passato, permettendo loro di compiere un suggestivo viaggio alla scoperta di civiltà remote e popolazioni scomparse.

Questa straordinaria esperienza è possibile anche recandosi in uno dei musei archeologici della Pianura Veronese, nei quali è conservata una ingente mole di reperti recuperati durante diverse campagne di scavo condotte nel corso del Novecento. Questi ritrovamenti sono la testimonianza della storia plurimillenaria di questo territorio e hanno permesso agli studiosi di ricostruire l’evoluzione della presenza umana e le trasformazioni ambientali della pianura dal Neolitico all’età romana.

Il Centro Ambientale Archeologico di Legnago è senza dubbio il museo archeologico di riferimento di tutta la Pianura Veronese. Realizzato all’interno dell’antico ospedale militare austriaco, egregiamente restaurato, la struttura non è soltanto un museo, ma anche un luogo di ricerca e di studio, di raccolta e conservazione. Ampi spazi inoltre sono dedicati alla didattica e alle conferenze. Di grande pregio anche le collezioni che si possono visitare presso il Museo Civico Archeologico di Gazzo Veronese e il Museo Archeologico di Isola della Scala.

Il museo svolge anche una importantissima funzione sociale, che è quella di preservare la memoria storica e culturale di una comunità e del territorio che la ospita. I documenti, le immagini e le antichità esposte nelle sale custodiscono le tracce e sono il risultato di una storia comune, di una identità collettiva che deve essere trasmessa alle nuove generazioni.

Questa idea fu alla base del museo concepito da Maria Fioroni e allestito all’interno dell’ottocentesco palazzo di famiglia nel centro di Legnago. Oggi gestito dalla Fondazione Fioroni, partendo dalle collezioni private raccolte dalla fondatrice nel corso di tutta una vita, gli ambienti del museo ospitano splendidi reperti di epoca romana, armi medievali, ceramiche rinascimentali e testimonianze delle guerre italiane del Novecento. Il fiore all’occhiello di tutto il percorso espositivo è però l’ala dedicata al Risorgimento – uno dei più interessanti dell’intero panorama museale veneto – che racconta attraverso preziosi e unici cimeli l’epopea risorgimentale nella Pianura Veronese. La Fondazione infine conserva un importante patrimonio archivistico e documentario messo a disposizione di studiosi e appassionati.

Centro Ambientale Archeologico

 

Museo Aldo Morelato e Osservatorio sull'arte applicata al mobile

 

Museo Archeologico di Gazzo Veronese

 

Museo Archeologico di Isola della Scala

 

Museo Fondazione Fioroni

 

Villa Brà e Museo della civiltà contadina

 

Villa Pindemonte - Fiumi e Museo "Lionello Fiumi"