Stampa

Un visitatore che avesse l’opportunità di sorvolare la Pianura Veronese con un piccolo aereo ultraleggero noterebbe, senza difficoltà alcuna, l’enorme abbondanza di corsi d’acqua che ancora oggi caratterizzano il paesaggio. Riconoscerebbe la trama e l’ordito formati da questi lunghi nastri d’argento oggi – fortunatamente per chi vi abita attorno – tenuti a bada dagli argini e dai numerosi manufatti idraulici regolatori.

Non fu sempre così: un tempo i corsi d’acqua della pianura scorrevano liberi in preda alle bizzarrie delle piene stagionali. Attorno a loro dobbiamo immaginare – sforzandoci un poco – un territorio ricoperto da una vegetazione rigogliosa, a tratti impenetrabile, interrotta solo piccoli specchi d’acqua e, qua e là, sparsi tra i boschi e le paludi, villaggi formati da poche case.

Il lento e paziente lavorio dell’uomo e la penetrazione fondiaria realizzatasi a partire dal Quattrocento, hanno eliminato quasi del tutto l’ambiente naturale caratteristico della Pianura Veronese. Di questo passato millenario rimangono soltanto alcune piccole ma preziose tracce, angoli straordinari in cui il visitatore attento può ancora oggi apprezzare i lacerti di un territorio antico e ormai scomparso.

Si tratta di aree protette e di siti naturalistici visitabili come la Riserva naturale palude Brusà-Vallette a Cerea, ultimo lembo dell’antica palude formata dal fiume Menago a cui oggi si agganciano anche le nuove Vallette, un corridoio ecologico artificialmente ricreato sull’antico paleo alveo del Menago. Oppure la palude del Busatello a Gazzo Veronese, dove il Tione si getta nel Tartaro. Questi ultimi puntelli di un antico passato, testimoniano all’occhio del moderno viaggiatore la millenaria presenza dell’immensa plaga paludosa delle Valli Grandi Veronesi. Il Bosco del Tartaro, invece, situato in località Torretta di Legnago, così come i giardini botanici realizzati nelle aree di golena del fiume Adige hanno ricreato alcune aree boschive tipiche della pianura padana.

Bosco del Tartaro

 

Golena dell'Adige di Legnago

 

Palude del Brusà

 

Palude del Busatello

 

Palude della Pellegrina

 

Parco dei due Tioni

 

Parco del Menago di Bovolone

 

Parco delle Vallette di Cerea